Latest Posts

Pamela Anderson, l’ex bagnina di Baywatch tuona: “Il porno è da sfigati”

Se dovessimo parlare di aspettative, più che altro per una questione di associazioni, sicuramente in pochi potremmo immaginare di sentire una dichiarazione del genere, da colei che è stata il sex symbol di un’intera generazione. Con il suo sgambatissimo costume rosso, nei (pochi) panni di C. J. Parker, la guardia spiaggia più invidiata al mondo, Pamela Anderson è stata l’incarnazione dell’immaginario erotico, per la sua bellezza, le sue cover di Playboy, ma anche per la sua tormentata relazione con Tommy Lee.

La coppia, nel 1996 aveva dato scandalo anche con un sex tape che ha girato il mondo e anche se a noi sembra ieri, quando eravamo incollati alla tv a guardare Baywatch, gli anni passano e il pensiero odierno della Anderson, ben si discosta dalle trasgressive pulsioni d’epoca. L’attrice ha affidato tutto il suo sdegno in una lettera, scrivendo, di suo pugno, al “Wall Street Journal”, dove ha voluto comunicare ai giovani, le sue perplessità sulla dipendenza dalla pornografia.

“La pornografia è un pericolo senza precedenti per il modo in cui è diffusa e di facile accesso. Quante famiglie soffrono? Quanti matrimoni finiscono? Quanti uomini di talento rovinano le loro relazioni e le loro carriere per un breve momento di onanismo?” – ha scritto Pamela – “Il porno è una via d’uscita per le persone troppo pigre che non hanno la forza di godere del piacere della sessualità. È un pericolo senza precedenti. Chiudere oggi tramite delle leggi il vaso di Pandora del porno è impossibile, è troppo tardi. Ma la gente deve parlarne e insegnare ai propri figli che chi ne fa uso è uno sfigato” ha concluso. (Katya Malagnini)

Latest Posts

Edicola

Edicola