Latest Posts

Morto Riccardo Schicchi: lutto nel mondo dell’hard

Dopo la morte di Riccardo Schicchi i protagonisti del mondo dell’hard si stringono intorno alla famiglia e ricordano ognuno a modo suo. Ilona Staller, in arte cicciolina, con la quale ha iniziato la sua carriera racconta “Era una persona piena di vita, ora sono convinta che sia in cielo con Moana Pozzi. Lui chiamava tutte amore erano tutte come sue figlie. Nel 1975 abbiamo fatto la nostra prima e esperienza in radio, anche se il nome Cicciolina l’ho inventato io, non Schicchi, comunque insieme abbiamo aperto una nuova era di libertà sessuale.”

“Siamo stati insieme dal ‘75 all’ ‘88, tanto che il mio ex marito mi disse: come puoi sposarti con me dopo tanto tempo con Schicchi? Ricordo nel 1975 eravamo due ragazzi senza una lira, scoprimmo una vasca etrusca piena di acqua calda, dalle parti della Cassia, andavamo a fare dei bagni meravigliosi, e lì sono nate tante idee anche per delle foto con gli animali.”

E riguardo alla morte per diabete la Staller ha detto “Fui io a soccorrere Riccardo quando tanti anni fa ebbe la prima crisi per il diabetel’avevo sentito poco tempo fa, mi aveva chiamato, era lucido. Poi l’ho visto cinque giorni fa in ospedale e ho capito che non c’era più niente da fare. Ora sono convinta che si trova in cielo con Moana.”

Parole di cordoglio anche da parte di Rocco Siffredi “Ero l’unico maschio in un harem di donne. Avevo 20 anni e a lui devo tutto, come ad un padre professionale. Per l’Italia della pornografia questo è un grave lutto. Non c’è stato nessuno come lui che ha creduto così tanto al made in Italy pornografico, riuscendo a sdoganare tutto il mondo del porno, andando dritto per una strada in cui credeva anche a costo degli insulti dei benpensanti.”

Di Valentina Vanzini

Latest Posts

Edicola

Edicola