Latest Posts

EVA BOLOGNESI: “GLI INFLUENCER SONO IL PRESENTE E IL FUTURO”. E SUI FERRAGNEZ DICE CHE…

Il web influencer è una figura destinata a rimanere nel tempo. Ne è convinta Eva Bolognesi, imprenditrice e top player di Instagram, che in questa intervista ci racconta il perché queste professioni in realtà nate dal nulla le dobbiamo considerare il futuro per sempre.

Eva con quale criterio scegli i brand con i quali lavori? 

Premesso che quest’anno più che mai amo lavorare con brand made in Italy e per lo stesso motivo quando c’è l’opportunità cerco di sponsorizzare strutture alberghiere o ristoranti italiani, proprio per sostenere il nostro Paese. Al di là di questo aspetto cerco un tipo di abbigliamento o accessorio che sia in linea con me, il mio stile (amo talvolta giocare sui contrasti, su uno stile casual chic) mi piacciono comunque i brand che hanno carattere, aziende che hanno una storia e in definitiva capi di abbigliamento che mi valorizzino.

Pensi che il lavoro del web influencer sia eterno o pensi che un bel giorno tutto possa cambiare. E come secondo te?

Se facciamo un veloce passaggio nella storia della comunicazione ci accorgiamo facilmente che pochi decenni fa il passaggio pubblicitario avveniva dal cinema alla tv, per arrivare successivamente in tempi recenti ai canali social, ritengo che il web abbia un discreto vantaggio competitivo perché la visualizzazione dei contenuti e di conseguenza l’acquisto pubblicitario è veloce, vario, facilmente fruibile e raggiunge una molteplicità di destinatari finali. Ritengo che non sia eterno come lavoro ma che l’avvento di sempre nuove tecnologie modificherà quello che oggi appare il massimo dell’aspettativa tecnologica, pertanto a mio avviso è sempre importante adeguarsi ai cambiamenti di costumi ed innovazione.

Parlando un po’ di pettegolezzo, ma secondo il tuo punto di vista Chiara Ferragni e Fedez sono una famiglia o sono un’azienda, e perché?

Penso che il binomio Ferragni/Fedez sia nato come famiglia che però grazie alla loro intelligenza, la capacità di pensare fuori dagli schemi e la loro grande capacità comunicativa, siano riusciti al di là della loro professioni a proporre un’attività con il loro vissuto quotidiano. Insieme sono riusciti a creare per primi qualcosa di unico e si sono potenziati come coppia e poi come nucleo famigliare e ultimamente sono rimasta molto colpita dal fatto che abbiano e stiano utilizzando la loro popolarità per sensibilizzare i giovani e dare messaggi socialmente utili.

Se non ci fosse stato questo sodalizio, chi dei due sarebbe rimasto più nell’oblio rispetto all’altro. E perché?

A mio avviso Fedez sarebbe emerso come rapper ma non sarebbe stato conosciuto ai più come persona, mentre Chiara Ferragni è riuscita ad avere fin da subito una dimensione più globale essendo non solo modella, fashion blogger o influencer ma un’imprenditrice digitale con una vision estremamente innovativa.

Come nasce un vero influencer? E come si accredita verso i propri follower o i propri clienti?

Passione per la fotografia, voglia di condividere anche piccoli momenti della quotidianità, il cercare di stabilire relazioni anche se virtuali sono aspetti che stanno alla base dell’attività di influencer. In sintesi avere dei contenuti di qualità, raccontare qualcosa che possa interessare sia i follower che i clienti o potenziali tali. Credo che oggi la sfida tutt’altro che semplice sia potersi differenziare per qualche aspetto e non essere il clone di qualcun altro.

Spieghiamo il perché ci sono alcuni profili di personaggi che hanno tantissimo seguito, anche nei numeri, ma sono meno appetibili sul mercato di chi magari ne ha meno di loro…

I motivi possono essere vari ma spesso c’è un tema legato all’autenticità e credibilità, ad esempio i macro e micro-influencer avendo infatti un seguito più ristretto rispetto a quello delle celebrity, riescono a instaurare delle relazioni più personali con il proprio pubblico, che si sente più coinvolto ed è più propenso a supportare sia l’influencer che i prodotti che promuove.

Latest Posts

Edicola

Edicola