Latest Posts

Elena Barolo si racconta in esclusiva

La blog-mania dilaga tra le vip di casa nostra al punto che viene spontaneo chiedersi se non sia il preludio di una nuova era in cui le ragazzine, dopo avere sognato di diventare veline e sposare un calciatore, agognino il titolo di reginette dello stile accanto al loro Chuck Bass. Elena Barolo ad esempio, che velina lo è stata dal 2002 al 2004, oggi latita dalla tv e preferisce dedicarsi ad Affashionate.com, il blog che ha aperto poco più di un anno anno,e all’elegante fidanzato Alessandro Martorana, conosciuto come “il sarto dei vip”. Così ci racconta la sua nuova carriera nel mondo della moda, senza risparmiare critiche pungenti allo stile di una certa tv italiana e alcune colleghe che più volte definisce “tamarre”.

Elena, dalla tv alla moda, come è avvenuto questo salto?

L’idea c’era già da un po’, e a gennaio dell’anno scorso ho approfittato di un periodo in cui non lavoravo tanto in tv e cinema. E’ stato un modo per coprire un vuoto, ma non si trattava di un progetto improvvisato. La moda mi è sempre piaciuta, il mio blog non si limita solo a delle fotografie di look, ma è ricco di contenuti e l’obiettivo è quello di farlo crescere fino a farlo diventare un magazine online.

Qualche tempo fa Franca Sozzani, la donna più potente della moda italiana si era scagliata contro lo stile delle veline, come risponde a queste critiche?

Avevo già inviato una lettera a “Vogue” non appena avevo sentito queste dichiarazioni, ma in realtà la Sozzani non aveva attaccato propriamente le veline. Questo è un termine che spesso viene utilizzato impropriamente, le donne volgari che hanno anche accettato compromessi per fare carriera sono altre, nessuna di noi ex veline lo ha mai fatto.

Che ne pensa dello stile della tv italiana che è molto lontano da quello del mondo della moda?

Non condivido lo stile che si vede in molte trasmissioni televisive. Quando vado in tv mi vesto in modo molto diverso da tante colleghe che si abbigliano in modo volgare, non mi piacciono i plateau troppo alti nè gli abiti troppo attillati che sembrano da escort.

Il nome di un personaggio televisivo di cui le piace lo stile?

Mi piacciono molto Cristina Parodi e Federica Panicucci.

Perchè leggere il blog di Elena Barolo?

Non ho la pretesa che il pubblico che mi è affezionato debba leggere per forza il mio blog, il web è una possibilità per tutti, ciascuno visitandolo può valutare se lo trova interessante o meno. Io mi impegno per creare dei contenuti che possano essere interessanti anche per chi, come le ragazzine più giovani, non sa nulla di moda e passo dopo passo può raffinare il proprio stile.

Tante sue colleghe si reinventano come designer, pensa anche lei a qualcosa dle genere?

Sì, io ho sempre disegnato nella vita, fin da bambina. Prima di fare una cosa del genere voglio trovare un’azienda che si avvicina ai miei gusti e studiare bene il progetto per realizzare una collezione elegante. Mi piacerebbe collaborare ad esempio anche con una casa low cost come Zara che mi piace molto e che ha collaborato già con tante blogger.

Il suo fidanzato è un personaggio di spicco della moda milanese, in che modo condividete il vostro lavoro?

Confesso che non gli chiedo quasi mai consigli nè gli rivelo i progetti in anteprima, sono piuttosto indipendente nel lavoro, mi piace decidere liberamente e poi magari sentire le sue opinioni di fronte al lavoro concluso. A volte però il lavoro si intreccia con la nostra vita di coppia, ad esempio alla festa organizzata da Alessandro per presentare la sua collezione casa durante la settimana del design ho intervistato Claudio Marchisio che è un caro amico.

L’uomo che piace ad Elena Barolo è elegante?

Sicuramente, ad esempio il mio fidanzato Alessandro o Lapo Elkann hanno uno stile che mi piace molto, è divertente, stravagante ed elegante. Ovviamente non funziona su tutti, è la personalità a fare la differenza.

La rivedremo presto in tv?

Per ora ho scelto di dedicarmi anima e corpo al progetto del blog e alla moda, non vuol dire però che ho abbandonato il mondo dello spettacolo.

 

Andrea VIGNERI

Latest Posts

Edicola

Edicola